Superbonus 110: cantieri bloccati e ondata di cause in vista

Indice dei Contenuti

Secondo i dati Enea, un cantiere su dieci potrebbe essere ormai fermo o, se concluso, risultare impagato  dallo Stato. 

Cosa significa questo? 

Che le imprese che hanno eseguito i lavori di cui al Superbonus applicando, quale modalità di pagamento,  lo sconto in fattura (mediante la quale, ricordiamo, l’impresa che esegue i lavori anticipa al committente la  spesa detraibile e successivamente cede il suo credito a banche o altri istituti finanziari) hanno sempre più  difficoltà a trovare un compratore del proprio credito fiscale, con il risultato che i crediti restano in pancia  alle imprese. 

Ricordiamo che il meccanismo più diffuso del superbonus, come anche degli altri bonus edilizi, è infatti lo  sconto in fattura: il proprietario dell’immobile non paga i costi di ristrutturazione, che invece anticipa  l’azienda edilizia. La quale potrà poi o rivalersi sullo Stato attraverso uno sconto fiscale spalmato in diversi  anni o, più comunemente, vendere questo credito nei confronti del fisco a un altro soggetto,  prevalentemente le banche, che armandosi di pazienza ogni anno potrà pagare meno imposte fino a  recuperare la spesa. 

Molto spesso l’appalto viene eseguito dai cosiddetti General Contractor, società che assumono la veste di  appaltatore, incamerando quindi i crediti del committente quale corrispettivo dell’appalto, crediti che  dovranno poi riuscire a vendere a società terze per poter pagare subappaltatori e professionisti (incaricati  dallo stesso General).  

È qui che spesso il meccanismo si inceppa.  

Il nodo della questione è infatti che questo mercato secondario dei crediti fiscali si è sostanzialmente  bloccato. Per cui, le società General Contractor che non riescono a vendere i crediti, non potranno liquidare  subappaltatori e professionisti i quali, quindi, interromperanno l’esecuzione delle opere.  

A questo punto, il committente che ha ceduto i propri crediti (pagando quindi di fatto il corrispettivo  dell’appalto) ma che non si vede ultimate le opere, cosa può fare? E il subappaltatore che non viene pagato  per il lavoro eseguito? Oppure la stessa impresa, che abbia deciso di fare da General ritirando i crediti, ma  non ha più la liquidità per proseguire il cantiere? 

Questi sono solo alcuni degli scenari che si potranno verificare nel prossimo futuro e che, in base anche ai  contratti sottoscritti dalle parti nei singoli casi, bisognerà affrontare e risolvere nel migliore dei modi.

Domande frequenti sul Superbonus 110% e i cantieri bloccati

Il problema è che molte imprese edilizie hanno difficoltà a vendere i propri crediti fiscali, bloccando così i pagamenti ai subappaltatori e impedendo la conclusione dei cantieri.

Lo sconto in fattura è la modalità di pagamento più comune per il Superbonus 110%.

L’impresa edilizia anticipa la spesa detraibile per conto del committente, che a sua volta cede il credito fiscale a banche o altri istituti finanziari.

Il mercato dei crediti fiscali si è bloccato perché molte di queste società non sono più interessate all’acquisto dei crediti.

Le imprese edilizie e i subappaltatori possono cercare di trovare soluzioni alternative per ottenere i pagamenti che spettano loro.

Potrebbero ad esempio tentare di negoziare un accordo con il committente o la società General Contractor per ricevere un pagamento parziale o dilazionato nel tempo.

In ogni caso, è importante cercare assistenza legale per valutare le opzioni a disposizione.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 5 / 5. Numeri di voti: 9

Non ci sono ancora votazioni, vuoi essere il primo?

Ci dispiace che questo articolo non ti sia stato di aiuto!

Let us improve this post!

Come possiamo migliorarlo?

Contattaci per una consulenza anche in videochiamata

Commenti recenti

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Che problema vuoi risolvere?

Contatti